Scottiglia

Ricetta in uso quando diverse famiglie contadine si riunivano. Viene realizzata in due forme, fermo restando che ogni famiglia contribuisce con la carne che ha: ogni famiglia cuoce (diciamo fino a metà cottura) la sua carne e poi, ognuno con la sua pentola, si reca nella casa luogo della riunione dove tutte le pentole vengono travasate in una pentola unica e poi si termina la cottura; oppure ogni famiglia porta la sua carne e la scottiglia viene cotta da chi ospita.
Qui è userò il secondo schema.
filmato1 (318MB)
filmato2 (368 MB)
filmato3 (510 MB)

Immagini e filmati ripresi da Alice TV del 21 settembre 2015.

Per ora non ho preparato questo piatto.

Ingredienti (per 4 persone)

Preparazione
Si prepara il soffritto con olio, aglio e sale, tagliando le verdure a pezzi grandi perché complessivamente il piatto richiede 3 ore di cottura e le verdure si sciolgono.
Si taglia in pezzi ogni tipo di carne ad iniziare da quella che richiede un maggiore tempo di cottura (maiale, agnello, faraona, piccione, pollo). Si aggiunge basilico, pepe (una prima volta), peperoncino (se gradito). Si lascia cuocere a fuoco vivo per circa 1 ora e con il coperchio; poi si sfuma con il vino rosso (buono) e si aggiunge la passata di pomodoro. Sempre lasciando la pentola coperta si lascia cuocere a fuoco debole (il contenuto deve sobbollire) per altre 2 ore circa. Alla fine regolare pepe e sale.
Poi si serve, dividendo la carne su un piatto o su fette di pane casareccio da usare quasi come un piatto.

Il fondo di cottura diventa un ottimo sugo per la pasta (meglio all'uovo).