Brasato alla Bombarda

3-4 ottobre 2017

  • 750 g di cappello del prete o altra carne adatta
  • 2 bottiglie di Barolo (qui usata Bombarda)
  • 1 cipolla bianca,
  • 4 coste di sedano,
  • 2 carote
  • 5-6 bacche di ginepro,
  • 5-6 grani di pepe nero (qui usato pepe macinato)
  • 1 foglia di alloro (qui non usata)
  • preparazione 2 gg complessivi
  • cottura 3-5 ore complessive
  • difficoltà  medio-alta
  • dosi per 2 persone
  •          
    Il 3 ottobre 2017 ho deciso di provare a fare il brasato: abbiamo comprato circa 800g di Cappello del prete e ho deciso di usare come vino la Bombarda delle cantine Rossella, Oltrepò pavese (fig9 e fig10) . Di tutte le spezie e le verdure elencate nella ricetta "vera" non ho trovato l'alloro, il pepe in grani e lo scalogno (preferisco la cipolla). Ho tagliato a pezzi grandi le verdure (fig1) e le ho messe nella pentola a marinare con la carne e 1 bottiglia e mezzo di vino. Ho aggiunto una generosa quantità di pepe nero macinato. Questa operazione l'ho fatta alle 5 del mattino e ho lasciato marinare il tutto fino alle 16.
    Nel pomeriggio ho messo la marinatura in una ciotola di vetro (fig2), ho messo da parte la carne a scaldarsi (fig3) e ho tagliato a pezzi più piccoli le verdure. Poi le ho rimesse nella marinatura (fig4). Nella pentola ho sciolto il burro (e l'olio) e ho fatto rosolare la carne. Poi ho aggiunto la marinatura (fig5) l'ho lasciata cuocere per tre ore a fuoco lento (fig6). Ho lasciato che il brasato si raffreddasse nella marinatura e l'ho messo da parte nel contenitore grigio della Tapper.
    Ho fatto cuocere la marinatura a fuoco lento per circa un'altra ora, in modo da ridurre il volume e il liquido.
    A questo punto ho frullato le con il frullatore a immersione e le ho rimesse nella marinatura, lasciando cuocere ancora una mezz'ora a fuoco lento in modo da ottenere una salsa molto saporita.
    Abbiamo preferito mangiare la carne fredda, coperta con la salsa calda, il tutto con un purè di patate (fig7 e fig8).

    La mezza bottiglia di Bombarda rimasta l'avevamo bevuta il giorno prima, per cui abbiamo bevuto acqua di rubinetto.
    Non sono riuscito a tagliare a fette la carne: si sbriciolava tutta, mettendo in evidenza le fibre. O il cappello del prete lo era solo di nome oppure dobbiamo provare un altro un altro tipo di carne. Però il tutto è stato davvero buono. Questa ricetta richiede due giorni di lavoro saltuario e di controlli.


    Pagina scritta il 6 ottobre 2017.          Aggiornata il: 6 ottobre 2017